venerdì 11 dicembre 2015

Budini di riso alla cannella con fonduta di caprino e spinaci: sapori classici in un'unione insolita

Il mio amore per QUESTO riso lo avevo già palesato, esattamente in questa occasione. Torno a presentarvelo, in una versione insolita, come insolito è il mio modo di concepire la cucina. Una sfida continua, un richiamo a cedere alla perfezione dell'Acquerello. E di accostargli sapori e consistenze differenti, antagoniste, ma legate in un'armoniosa perfezione. Era da un po' che cercavo la giusta ispirazione e che aspettavo che, la stessa, arrivasse per qualcosa che non fosse dolce ^_^ Il tempo che corre sempre troppo velocemente non è stato un grande complice, ma alla fine ho vinto io. La monoporzione preparata è stata quasi un affronto al mio desiderio di replica, seppur sia stata una scelta oculata per evitare di strafogarmi di tanta delizia. Sui sapori, però, non ho lemosinato. E poi io amo i contrasti: qui ce ne sono innumerevoli e tutti, a mio avviso, protagonisti perfetti di una grande sinfonia.

Ingredienti

Per un budino
35 g di riso Acquerello
1 cucchiaino di cannella in polvere
1 cucchiaino di peperoncino sott'olio
1/2 cucchiaino raso di agar agar
1 cucchiaino di miele di tiglio + q.b.
sale rosa dell'Himalaya

Per la fonduta
100 g di spinaci freschi
110 g di latte
25 g di caprino stagionato
1/2 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaino raso di farina di limoni
sale integrale

Fate cuocere il riso in acqua leggermente salata. Non salatela troppo, perché il liquido dovrà essere quasi interamente assorbito e il riso rischierebbe di diventare troppo salato.
Quando sarà morbidissimo e molto cremoso, aggiungete l'agar agar, la cannella, il peperoncino e mescolate, facendo cuocere tutto ancora per un paio di minuti. Aggiungete un cucchiaino di miele e passate il riso con un frullatore ad immersione, fino ad ottenere una crema liscia.
Versatela in uno stampo da budino e lasciatelo raffreddare. Quando sarà a temperatura ambiente spostatelo nel frigorifero e lasciatelo rassodare per almeno un'ora.
   Nel frattempo occupatevi della fonduta. Lavate gli spinaci e fateli appassire in padella con un filo di olio. Salate e aggiungete latte e farina di limoni, quindi fate cuocere a fiamma bassa per qualche minuto.
Grattugiate, con una microplane, il caprino e, quando gli spinaci saranno pronti, unitelo agli stessi e frullate tutto. Il risultato dovrà essere una crema liscia e densa (e deliziosa).
A questo punto non vi resta che comporre il piatto. Una base di fonduta, il budino e il resto della fonduta in colata libera. Grattugiate ancora un po' di caprino, versate un filo di miele in superficie e passate tutto in forno, sotto il grill, per qualche minuto.
Non vi rimane, adesso, che l'assaggio.
Lasciatevi trasportare dalla cremosità avvolgente del budino, alleggerita dalla delicatezza della salsa. E assaporate come il carattere del caprino lega con la dolcezza degli spinaci. E come questo tutto incontra perfettamente il dolce piccante del riso. E poi chiedetevi "quando si replica?".

La mia scelta rimarrà quella di dosare bene le quantità: sarebbe davvero difficile resistere al bis, tris e..... ^_^

Proponibile come antipasto (magari in una porzione smezzata), può anche essere gustato come originale primo piatto. Per me è stato piatto unico ^_^ Insomma, a voi la scelta!

Con questa ricetta partecipo al Gluten Free (Fry)day


18 commenti:

  1. Sarà anche insolita questa unione ma sembra deliziosa.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho assaggiata e.... lo è ^_^
      Grazie Manu. Un bacione.

      Elimina
  2. Che dire, la tua creatività non ha limiti ne confini e io ogni volta nel sono sempre più convinta. Un bacio e buon week end ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hihihihi, mi diverto un pochino, dai ^_^
      Buon weekend anche a te SIlvia, grazie di cuore.

      Elimina
  3. Interessante!Credo che non saprei resistere alla tentazione di un bis!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio per questo ho badato bene a dosare le quantità :D
      Grazie Giulia.

      Elimina
  4. Solo tu puoi accostare sapori apparentemente lontani in una armonia affascinante e golosa come questa...sappi che se mai aprirai un ristorante, voglio essere la prima a saperlo per correre a gustare piatti meravigliosi come questi <3 Un abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che tu potresti essere la mia migliore cliente :D
      Sei splendida Alice ^_^
      Ti abbraccio forte forte.

      Elimina
  5. Oh mamma che curiosità di gustarlo,deve essere un'unione particolarissima e squisita,molti complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo pensiero mi gratifica molto, Ketty.
      Grazie di cuore ^_^

      Elimina
  6. ODDIO, ODDIO, ODDIO!
    Ma che fantasticheria è mai questa?
    La mi adorata cannella, il mio adorato riso, la mia adorata cuoca.
    Ho gli occhi a cuoricino e non credo mi passeranno per tutto il pomeriggio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manca solo l'assaggio, cuoricino mio ^_^
      Ti abbraccio forte forte forte fino ad arrivare lì accanto a te :*

      Elimina
  7. Un'unione che mi ispira molto.

    RispondiElimina
  8. Erica,questo budino è una vera bomba!!! Un trionfo di sapori, ma che brava che sei, e poi così temeraria!!! ;)
    Tanti baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io temeraria? Naaaaa, ahahahahahahah.
      La travolgente delicatezza e l'audacia di sapori di questo budino è favolosa, te lo garantisco ;)

      Elimina
  9. Davvero pensavi che arrivavo qui a casa tua e mi accontentavo delle "briciole"?....noooooooooo...sono di natura curiosa, soprattutto in cucina, per cui sbircio ovunque fino a trovare (e qui si va a colpo sicuro) delizie dolci e salate....e qui davvero si trova un piacere per gli occhi e per il palato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei meravigliosa Mila ^_^
      Questi budini sono stati una sorpresa anche per me. Particolari e travolgenti, con il loro insieme di sapori magici.
      Grazie di cuore, sai farti sentire vicina ed è molto bello!!

      Elimina