lunedì 23 novembre 2015

Vellutata di porri e finocchi con crostini di lupini alla salvia: timidi, ma necessari passi verso l'inverno

Seppur la mia cucina sia ancora molto varia, a metà strada tra il mood invernale e qualche slancio anticonformista, la vellutata entra di diritto tra le scelte più gradite. Ciò che mi piace al punto da darle uno slancio in più è quanto possa permettere l'utilizzo di quegli scarti che, diversamente, finirebbero nella raccolta differenziata. Spreco a cui sono sempre meno solita. Tra tutto, le foglie esterne dei finocchi sono un esempio eclatante. Mi diverto a mischiare sapori, ad aggiungere dettagli, ma quello che amo maggiormente è creare quel valore aggiunto insolito, mai provato, da sperimentare. Questa volta ho voluto provare con i lupini, i miei amati lupini. Ho dato loro una forma nuova e devo dirvi che il risultato mi ha stupito davvero. Ormai forte del lavoro della mia friggitrice ad aria calda (tranquilli, potrete utilizzare anche il forno!!), la mia testolina non si ferma mai: elabora, elabora, elabora ed elabora ancora. Il crunch è favoloso e non nasconde un sapore delicato e piacevole. Accostato al morbido abbraccio della vellutata è assolutamente sorprendente. Ecco il tepore giusto per questo inizio di inverno ^_^

Ingredienti

Per la vellutata
250 g di foglie di finocchio
50 g di porro
50 g di patate rosse
750 h di acqua
dado vegetale granulare (per me home made)

Per i crostini
75 g di lupini
25 g di patate rosse
80 g di latte di avena (o altro latte vegetale)
1/2 cucchiaino di agar agar
1 cucchiaino di dado vegetale granulare
1 manciata di foglie di salvia
noce moscata
olio evo

Iniziate a preparare i crostini. Mettete in un pentolino i lupini privati dalla pellicina, la patata tagliata a dadini e coprite tutto con il latte d'avena. Mettete sul fuoco e portate ad ebollizione. Aggiungete il dado granulare e la noce moscata quindi, raggiunto il bollore, stemperate l'agar agar con parte del liquido di cottura. Unitelo al resto del liquido e fate bollire per un paio di minuti.
Passate tutto con un mixer ad immersione, quindi unite le foglie di salvia lavate, asciugate e spezzettate finemente. Mescolate bene per amalgamare tutto perfettamente, quindi stendee in un piccolo stampo, in modo da creare una base spessa circa 1 centimetro. Lasciate raffreddare in frigorifero per un'ora almeno.
Nel frattempo lavate le verdure, foglie di finocchio, porro e patate tagliate a pezzi. Mettete tutto in una pentola con l'acqua e il dado vegetale e fate cuocere a fiamma media, fino a quando le verdure saranno morbidissime. A piacere potrete aggiungere altre spezie, o dosare in modo differente le quantità di verdure.
Riprendete la base di lupini, estraetela dallo stampo e tagliatela a dadini di circa 1 centimetro di lato. Vaporizzatele con dell'olio evo, quindi cuocete in forno o nella friggitrice ad aria calda, per 20 minuti a 200°.
Quando le verdure saranno morbide, passate tutto con un frullatore ad immersione fino a creare una vellutata liscia.
A questo punto non vi rimane che servire, in una bella findina, accompagnando tutto con i crostini di lupini ben dorati.

Assaporate la delicatezza degli ingredienti, avvolta dal profumo di salvia e fatevi coccolare come la stagione richiede e come voi meritate ^_^
E meravigliatevi, ancora una volta, di quanto delle scelte salutari siano sinonimo di piacere e successo.

39 commenti:

  1. Una vellutata deliziosa.. e dei crostini insoliti fatti coi tuoi amati lupini.. baci e buona settimana :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io oggi ho visto i tuoi gnocchi alla romana, che sono tra i miei piatti preferiti ^_^
      Solo che.... addio semola!!!! Me li farò di riso ^_^

      Elimina
  2. Deve essere buonissima e soprattutto perfetta per la stagione.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. ciao Erica cercavo la ricetta del dado vegetale, c'è nel blog? baciiiiiii Paola (Vinovo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riesci ad aspettare il 27 novembre, con l'uscita della rivista? ^_^
      Julienne raccoglierà tutti i dettagli ^_^ Poi la pubblicherò.

      Elimina
  4. Anch'io cerco sempre di riutilizzare tutto, anche gli "scarti". Una coccola questa vellutata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guai a chi spreca!!!!! Quante soddisfazioni ci dà la cucina del recupero ^_^

      Elimina
  5. una coccola perfetta per una fredda serata invernale come questa!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Una coccola perfetta ^_^
      Grazie Alice.

      Elimina
  6. Buona la vellutata con finocchi, io ormai ho iniziato con le zuppette, ma l'anno scorso facevo molto spesso le vellutate. Molto buone !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me inverno è vellutata ^_^
      Qualcosa di caldo che fa sempre bene. Un bacione Claudia.

      Elimina
  7. Io sono passata alla cucina invernale senza esitazioni da un po'!!
    Buonissima questa vellutata e i crostini di lupini devono essere speciali, idea bellissima e davvero sfiziosa!!
    Un bacione Erica, buona serata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non so, ma quest'anno fatico ^_^
      Bah, sono fuori fase, si vede anche in questo :D
      Un bacione cara Silvia.

      Elimina
  8. La vellutata è buona ma i crostini sono una roba da paura: spettacolari! !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, il punto forte sono proprio i crostini!!!!
      Bella tu ^_^

      Elimina
  9. Con i tuoi crostini hai reso magica pure una vellutata! Ma quanto sei brava? I lupini li amo molto anch'io!!! ;)
    Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I lupini per me sono una droga: inizio e non riesco a smettere di mangiarli :D
      Grazie Leti, un abbraccio.

      Elimina
  10. Quando si parla di vellutare noi siamo sempre presenti! Un abbraccio e buon inizio settimana :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E siete sempre le benvenute ^_^
      Grazie fanciulle.

      Elimina
  11. Mmm..posso venire a pranzo da te?? :PP
    Bravissima,baci cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando vuoi dolcezza ^_^
      Grazie Daiana, un bacione.

      Elimina
  12. erica fai sempre qualcosa di particolare ti faccio i meii complimenti anche se per poco tempo non passo spesso nei blog qui mi fermo e resto incantata per gli accostamenti di sapore complimenti ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veronica, che gioia queste parole. Grazie di cuore, ma davvero ^_^

      Elimina
  13. Arricchita come solo tu sai fare, la vellutata non è mai una scelta mainstream ma sempre speciale <3 ti adoro, begli occhi e bel cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per chi, come te, sa andareoltre.... non servono parole.
      Sei adorabile :*

      Elimina
  14. buona la vellutata...ma grandiosi i crostini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hihihihihi, avrei mangiato solo quelli ^_^

      Elimina
  15. Un vero comfort food per le fredde serate di questa stagione . Fantastica idea , connuvio perfetto di sapori . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il potere delle vellutate è grandioso, vero? ^_^
      Grazie Daniela, un bacione.

      Elimina
  16. Una vellutata calda e corroborante, una delizia per il palato, bravissima!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona. La vera delizia, però, sono i crostini :D Golosastra!!

      Elimina
  17. io la vellutata la mangerei anche il 15 di agosto! Figuriamoci adesso..... questa tua è un insieme intrigante di sapori e tu sai rendere creativo e speciale anche il più classico dei piatti! Un grande abbraccio ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono sempre stata così, ma ultimamente invece.... bah, mi ritrovo a mangiare piatti freddi in pieno inverno O_O
      Sempre dolce, tu ^_^ Grazie Vale, ti abbraccio forte.

      Elimina
  18. io vado matta per le vellutate, e questa è assolutamente spaziale!! Meraviglioso l'accostamento coi crostini di lupini alla salvia....quando mi inviti per l'assaggio?? ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La friggitrice ad aria calda è sempre in funzione, i lupini non mancano mai.... quando vuoi, tesoro, io sono pronta :D

      Elimina
  19. Questa vellutata aveva catturato la mia attenzione e solo ora son potuta tornare ad assaporarla!
    Un accostamento di sapori perfetto per chi, come me, adora i finocchi in tutte le salse!
    Anche io sono solita riciclare le foglie dure più esterne stufandole in tegame con qualche aroma, ma la prossima volta questa vellutata sarà mia!

    Grazie tesoro bello per questi spunti sempre innovativi e pieni di te!
    Un abbraccio grande, occhiazzurromarepiùbellidelmondo! :-* :-* :-*

    RispondiElimina