giovedì 2 maggio 2013

Pasta fillo (o phillo)

Questa pasta è stata, per me, una vera rivelazione. Prima le torte salate erano sinonimo di una frolla piuttosto pesante, o di una sfoglia troppo grassa. Il gusto della farcitura spesso era compromesso da una consistenza difficile, o dal gusto di un unto eccessivo. Dal giorno in cui la parola phillo ha preso identità non ne più potuto fare a meno. Trovo gradevole la sua leggerezza, a fronte di una consistenza modulabile secondo le necessità: strato singolo, o multiplo. Il velo d'olio che la ricopre non guasta il sapore e le dona una delicata friabilità, che gioca a favore della resa finale della portata.


Ingredienti
50 g di farina di manitoba (0)
22 d gi acqua a temperatura ambiente
1 cucchiaino di olio evo
un pizzico di sale

Mischiare gli ingredienti formando un impasto omogeneo, da riporre poi tra due fondine calde. Lasciare riposare la pasta per almeno una ventina di minuti e stenderla, su una spianatoia infarinata, tanto sottile da farla diventare trasparente. A questo punto gli utilizzi possono essere diversi. Per una torta salata occorrerà triplicare le dosi indicate e i vari strati saranno da sovrapporre tra loro, coprendo con un filo d'olio ciascun foglio. Nel caso in cui si volessero fare degli involtini sarà sufficiente un unico strato, sempre unto, su cui si adagerà il ripieno da avvolgere. Può essere utilizzata anche per preparare stuzzichini salati. Insomma, questa pasta soddisferà ogni vostra fantasia!

26 commenti:

  1. Cosa cosa...non ci credo.....hai fatto la pasta phillo?????Per me e' diventato un tormentone ormai....come tutte le cose che cerco e non trovo da nessuna parte.........pero' sembra facile da fare.....o no???Perche' se davvero e' cosi semplice allora la faccioooooooo.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Micol è di una semplicità estrema. Effettivamente anche io non l'ho mai trovata da nessuna parte.....ma è talmente semplice che non mi dispero più e, anzi, me la preparo genuinamente!!!! Tanto che sono diventata una phillo dipendente, ahahahahahah!!!! Riposaaaaaaaaaa.... :)

      Elimina
  2. Ho una domanda per te....quando scrivi "riporre tra due fondin calde".....cosa intendi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io faccio scaldare due piatti e ripongo nel mezzo, come fosse in un fornetto, la pasta. Non troppo caldi se no cuoce la parte in appoggio. Grande!!!!!! Vai di phillo!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  3. ah, così va meglio, grazie!!!!

    RispondiElimina
  4. mai fatta in casa, tu sei bravissima !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahah (rido di commozione!). Grazie cara!! ^_^

      Elimina
  5. erica, ma con questa dose mi viene una torta salata? e poi, quando tiro le sfoglie sottili, le devo ungere una sorpa l'altra?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con questa dose viene una teglia da 20 cm di diametro, con 4 strati di pasta. Più è sottile, meglio è la resa. Per stenderla aiutati con la carta forno unta. Poi, le sfoglie ottenute, le sovrapponi: sono già unte.

      Elimina
  6. che più facile non si può! Grandissima Enrica! Grazie grazie!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono stata anche piuttosto concisa nella spiegazione, ahahahah!
      Grazie Vivi, un abbraccio.

      Elimina
  7. Tesorino!!! Me la salvo subito!!! Ma come è che mi è sfuggita?! Ah beh, lo sappiamo! Qui vogliono fondermi il cervello!!! Ma non mi avranno mai!!! :D
    Stavo per farti la domanda sulle dosi ma ho visto la risposta ad Aria. Grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Non ti avranno mai, ahahahahahah!!
      Grande MG!!

      Elimina
  8. Questa è fantastica!! Al supermercato non l'ho mai trovata! Grazie, così ora posso provare le 200 ricette accantonate in sua attesa :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah, io ho iniziato a prepararmela in casa proprio perché non c'era verso di trovarla al supermrcato!
      Un bacione ^_^

      Elimina
  9. Fatta oggi, non avrei mai pensato che acqua farina e olio riuscissero a diventare così sottili. E' una pasta stupenda e finalmente anch'io posso smetterla di cercala in vano nei supermercati! Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Elisabetta!!!!!!!!!!!!!!!! Mi fa davvero molto molto piacere che sia diventata una conquista anche per te. La farina forte, con la sua maglia glutinica, diventa un vero e proprio elastico con l'acqua e qualche accortezza ^_^

      Elimina
  10. Ti adoro!!!!
    La provo appena torno a casa!!!
    Baci Baci
    Vicky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Blla che sei..... Grazie dolcezza!

      Elimina
  11. Ecco, uno ha un problema.. non trova la pasta phillo .. e poi mi dicono:" l'ha fatta Erica"
    Grazieeeeeee
    mi fai sempre battere il cuore mia cuocherellona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gioia che sei. Tu lo fai battere a me ^_^

      Elimina
  12. Grazieee! Erica sei un portento, mai trovata la pasta phillo al super, mi salvo la ricetta e sperimento quanto prima, non pensavo fosse così semplice da fare. (aspetta a vedere cosa combino io prima . ^_^.)
    Grazie un baciotto cuocherellona!

    Lina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da fare è semplicissima.... è da stendere che è un po' più ostica, ahahahahahah. Ma sarà un successo ;)
      Un baciotto anche a te Lina ^_^

      Elimina
  13. Grazie grazie grazie! L'ho subito salvata nei preferiti :)

    RispondiElimina