giovedì 20 novembre 2014

Ferratelle veg: non una variante alla tradizione, ma una scelta ben mirata che offre un dolce irripetibile

Gli amici che mi seguono anche sulla pagina di Facebook avevano avuto un'anticipazione. La visita in terra abruzzese dello scorso agosto mi aveva arricchito di un attrezzo tipico della zona e averlo per me mi ha fortemente arricchito. Forse è proprio il legame con quelle tradizioni ad avermi tenuto sempre lontano da piastre elettriche per la preparazione di waffle. Perché le ferratelle..... sono le ferratelle. E le ferratelle vanno preparate con il ferro apposta. Vi confesso che questa meraviglia, che mi dà notevoli soddisfazioni, trova spesso spazio nella mia cucina, dando un tocco di magia alle mie colazioni domenicali. Insieme al ferro ho portato a casa anche un paio di ricette tradizionali. Ovviamente ognuno ha la propria ricetta, ogni famiglia la sua tradizione e ogni donna i suoi segreti. Ma io, che amo sperimentare, ho cercato (e sto cercando) di trovare la mia, la preferita. E come non avrei potuto dare un seguito a questa ricerca, se non approdando anche nell'universo veg? Tutto nacque da una battuta di mio fratello, vegano. Mi disse "chissà come poterle veganizzare". Eh, bella roba riuscire a trovare una soluzione mantenendo il sapore tipico di un preparato a base di uova e latte ^_^ Ci ho provato e ne sono rimasta soddisfatta. MA, e dico MA, non ritengo che queste siano la versione classica, in veste vegana. Queste sono a sé, con sapori loro, consistenze loro, profumi loro. Le vere ferratelle.... rimangono cosa differente.
Ma sono buone da non poterne più fare a meno ^_^

Ingedienti

60 g di yogurt di soia al limone
30 g di farina Petra 5
1 busrina di zafferano
1 cucchiaino di zucchero di canna Dulcita
1 pizzico di bicarbonato

Versate lo yogurt in una ciotola e unite lo zafferano. Mescolate bene, fino a scioglierlo completamente.
Unite lo zucchero e lavorate il composto con una frusta elettrica, fino a quando diventerà spumoso. Aggiungete poca farina alla volta e il pizzico di bicarbonato. Lavorate continuamente, in modo da ottenere un composto liscio e vellutato. Coprite la pastella con un foglio di pellicola trasparente e lasciatela riposare in frigo per circa mezz'ora.

Una volta trascorso il tempo mettete a scaldare il ferro sul fuoco. Se non aveste il ferro utilizzate la piastra elettrica, quindi accendetela e portatela a temperatura.
Quando sarà molto calda prendete un piccolo mestolino di pastella e versatelo sopra.
Chiudete subito il ferro e lasciatelo sul fuoco per circa un minuto, a fiamma media. Girate quindi il ferro e procedete per un minuto scarso la cottura.
Aprite e prelevate la ferratella. Procedete con la cottura fino a terminare la pastella.

A questo punto accompagnate le cialde come meglio desiderate. Io ho utilizzato la crema dolce di zucca e castagne, la ricordate???

Confesso che sono ghiotta di queste cialde anche senza condimento. Sono un modo veloce e sano di appagare il desiderio di una dolce e coccolosa colazione. Un momento che dovrebbe essere tra i più importanti della giornata. La pastella potrete prepararla anche la sera prima, in modo da averla pronta per quando approderete dal tepore del piumone alla cucina ^_^


51 commenti:

  1. Grande Erica!
    Riesci sempre a stupirmi!!
    Un bacio e buon we :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. : )))) infinitamente felice!!
      Grazie Sabrina, sereno weekend a te.

      Elimina
  2. Ciao Erica le "Ferratelle" mi fanno tornare indietro nel tempo, quando mia nonna abruzzese le preparava, questa è una ricetta da provare assolutamente...brava!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me sono sinonimo di ricordi deliziosi. La versione veg nasce per sfida, ma sono sfiziosissime ugualmente ^_^
      Grazie Ivana, un abbraccio.

      Elimina
  3. quanto mi piacciono le ferratelle, veg è la prima volta che le vedo, le devo assolutamente provare, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Creare sempre qualcosa di veg è un continuo confronto con mio fratello. E se il risultato è questo, benvenga ^_^
      Grazie Silvia, un bacione.

      Elimina
  4. Io sono il tipo di persona che ,quando vado fuori dal mio paese, che sia estero o Italia, mi innamoro delle tradizioni del posto. Ne faccio tesoro e ne custodirò per sempre il sapore e i profumi. Le farratelle mi erano sconosciute! inutile dirti che le mangerie, vero?? sono scontata :D
    un bacione tesoro bello e buon weekend!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora aspetta la vera ricetta delle ferratelle ^_^ Arriverà, eccome se arriverà ;)
      Buon weekend anche a te tesoro.

      Elimina
  5. ma tu sei troppo avanti cara Erica mia! troppo, ma troppoooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahah, esagerata!!!!! (Vorrai mica un assaggio? Tipo..... una colazione domenicale insieme? ^_^)

      Elimina
  6. Son troppo buone.. io non ho lo stampo quindi non le faccio.. Immagino le tue.. così gialle grazie allo zafferano.. le immagino col gelato! ahahahaah baci e buon w.e. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Col gelato Claudia.... meravigliosissime ^_^
      La prima volta che vengo a Roma porto il ferro e vengo a fare colazione da te ^_^

      Elimina
  7. queste sono geniali, un'idea bellissima, da sole o con della marmellata o zucchero a velo, una spruzzata di cacao o cannella, complimenti, buon super week end di sole cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro. Buon weekend di sole anche te ^_^

      Elimina
  8. Tu riesci a reinventare tutto, non finirai mai di stupirmi!
    Fratello strafortunato (e bravo anche lui, ricordo una vegan Sacher S-T-R-E-P-I-T-O-S-A!!!) <3
    Vi abbraccio tutti, con tutto il cuore!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaah, ricordi proprio bene ^_^
      Ti abbraccio. Buon weekend gioia mia, sei splendida.

      Elimina
  9. Usi sempre ingredienti alternativi e poi sforni delizie irripetibili!!!! Complimenti e complimenti per lo stampo che è troppo bello!!!!
    Buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il ferro tradizionale Mila ^_^ E' bellissimo ^_^
      Grazie cara, un bacione grande.

      Elimina
  10. Quanti ricordi mi legano alle ferratelle. Purtroppo il "ferro" è rimasto nella casa del paese che è inagibile a causa dei danni provocati dal terremoto del 2009.
    La tua versione con lo yogurt di soia e zafferano è da provare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però il ferro puoi facilmente reperirlo. Sarebbe come ricucire una ferita, no? Credo ne valga la pena ^_^

      Elimina
  11. sei troppo brava, venendo da te non smetto mai d'imparare cose nuove ed incredibili!!!!!io non ce l'ho l'attrezzo, credo che dovro' procurarmelo!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace questa intraprendenza ^_^
      Grazie Sabrina, sei meravigliosa ^_^

      Elimina
  12. Colazione invidiabile!!! Ho una cialdiera waffle elettrica... quasi quasi provo, sono troppo invitanti!!!
    Buon fine settimana e complimentissimi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so che resa possano avere le piastre elettriche, ma credo valga la pena provarci ^_^
      Grazie Lory, un abbraccio.

      Elimina
  13. O_O non posso crederci, oggi siamo davvero telepatiche! Ho recuperato dalla soffitta di mia nonna l'attrezzo x i waffel e l'ho provato proprio oggi! Ad essere passata prima l'avrei inaugurato con la tua ricetta :-) (ma non mancheranno occasioni, garantito!)
    Complimenti cara e felice we <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma davvero????? Grande zietta!!!! E grande la nonna! Le soffitte riservano sempre grandi sorprese ^_^
      Provale tesoro, sono buonissime ^_^

      Elimina
  14. Le ferratelle non le conosco, non le ho mai nemmeno sentite nominare.....grave mancanza!
    Da provare sia le originali che le le tue...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Mica si può conoscere tutto? Però si può rimediare, ahahahahahahah
      Grazie Monica, un abbraccio.

      Elimina
  15. Ma sai che anch'io quest'anno dalla mia vacanza in Toscana, ho portato a casa il ferro per i waffel, ancora non l'ho usato, la tua ricetta mi sembra perfetta, guarda che meraviglia quelle ferratelle... mi segno tutto:)
    Bacioni Erica, a presto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, spiegami, hai il ferro e non hai ancora ceduto alla tentazione?????? Ely non perdere altro tempo!!! :D Non te ne pentirai ; ))
      Un bacione, buon weekend.

      Elimina
  16. Scommessa vinta alla grande....non avevo nessun dubbio !!!!!bellissime..

    RispondiElimina
  17. Conosco la versione tradizionale e l'adoro, sono curiosissima di provare anche quelle vegan, devono essere ottime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però quelle tradizionali sono insuperabili ^_^ Concordi?
      Grazie cara, un abbraccio.

      Elimina
  18. mmmmmm debbono essere buoni cosi ,li voglio riprovare,deliziose solo a guardarli!li ho rifatti ieri ,li proverò,,ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente rispetto alla ricetta tradizionale sono differenti nel sapore, ma meritano senz'altro ^_^
      Grazie cara, un bacione.

      Elimina
  19. Ecco il mistero svelato!! Bravissima come sempre a rendere originale le preparazioni!!! Golosissime!! Un abbraccio forte!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto? E' un periodo particolarmente creativo. Sto sfruttando il cambio di stagione con il cambio di prodotti per creare, sperimentare e scoprire cose sempre nuove ^_^
      Un bacione dolcezza, buona domenica.

      Elimina
  20. Un attimino e vedi anche i nostri waffle cotti ai ferri sopra il fornello. Ci vuole un po di pazienza ma viene un bel lavoro. Sono buonissimi ! Buon weekend !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una pazienza decisamente ripagata ^_^
      Grazie Claudia, un abbraccio. Serena domenica.

      Elimina
  21. Mio cognato è abruzzese e sono anni che gli chiedo lo stampo .. la scorsa estate mi ha portato le ferratelle fatte dalla sua mamma, chissà che non arrivi presto anche lo stampo!! Speriamoooo .. nel frattempo mi godo le tue che avevo adocchiato già su facebook. buona serata, serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo auguro perché le ferratelle gustate calde, appena preparate, sono tutt'altra cosa ^_^
      Incrocio le dita per te ^_^
      Buona domenica Serena.

      Elimina
  22. .......posso dirlo?? possoooo??? che figata!!!!!!!!
    :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mhhh, vediamo, ecco.... ahahahahahahahah!!
      Grazie Pata, un bacione.

      Elimina
  23. l'ho sempre detto che sei avanti tu ^_^ Grande Erica un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. : ))))) Sorrisi a non finire Fede!! Grazie.

      Elimina
  24. grazie, sperimento questo pom.....

    RispondiElimina