lunedì 3 novembre 2014

Sgorbietti di porro in crosta di ceci: tutto il sapore di un ricordo in un'immagine di 'decadente estetismo'

Da sempre, fin da quando ero piccolina, mia mamma ha rappresentato, per me, la risposta alla mia mancanza di fantasia. Lei ha l'animo di una bambina, la forza di una sognatrice e il carattere di un'artista. Nel tempo ho sempre sfruttato questa sua capacità di arrivare laddove io tendevo ad arenarmi. Un'immagine, una forma, un colore, una descrizione. Così eccola coinvolta in un nuovo gioco quando, in preda ad uno dei miei raptus, metto insieme un paio di idee e creo questi sgorbietti. Ho sorriso insieme a lei, perché, per quanto mi tenga a debita distanza da certi prodotti, sono proprio stata rapita dal cartellino che diceva OFFERTA sul mio amato Fontal Nazionale. Amato? Sì, perché la storia di questo formaggio risale a parecchi anni fa e diventa simpatica nel passato più recente. Il sabato sera, in casa dei miei genitori, si è sempre usato preparare la pizza. Si impastava a rotazione, senza una regola se non quella del si faccia avanti chi è libero: mia madre veloce e pragmatica, mio padre meticoloso e amorevole, mio fratello che faceva saltare e picchiare l'impasto per un'eternità e poi io, che pregavo, ogni volta, che arrivasse a lievitazione. La pizza era condita sempre in 4 o 5 modi differenti, ma l'ingrediente comune era il formaggio: il Fontal. Mia mamma prediligeva quello estero, più compatto, più facile da tagliare e, forte della gestione dell'economia domestica, più economico del fratello Nazionale. Non certo un formaggio da conquista, ho sempre pensato io. Volente o nolente, arrivò comunque il giorno in cui assaggiai il fratellino. Ma vogliamo mettere? Morbido, cremoso, con quella crosticina da perderci la testa. Insomma, da quando vivo sola la sola parola estero mi dissuade da comprare il Fontal. Ebbene, volente o nolente, quel giorno è arrivato anche per papà: con buona pace di mamma, la scoperta di un mondo :D Ammaliato dall'avvolgente cremosità di quella fettina, quasi in una manifestazione di innocente incontinenza di idee, ha simpaticamente investito mamma di parole e rimostranze per avergli fatto mangiare Fontal estero per lunghissimi anni e avergli sempre nascosto questa meraviglia ^_^ Sorrido ogni volta, come ho sempre sorriso quando, a casa mia, in tavola compariva il Nazionale. Mi piaceva vedere la reazione di papà: era come se si illuminasse ^_^ Allora ho ceduto: ho preso la mia fetta di Fontal ("faccia un paio di etti" e mi sono ritrovata tre etti e mezzo nel sacchetto : / ) e ne ho immaginato una forma. La sua cremosità, con la dolcezza del porro.... sì, è fatta. Poi l'idea di questa morbida crosticina (ossimoro azzeccato, perché la crema è morbida, ma con la cottura diventa sfiziosamente croccante all'esterno) che mantiene all'interno tutta la scioglievolezza del formaggio..... e la loro incredibile bruttezza :D E adesso come li chiamo? "Maaaaaaaaaaamma!!!! Ho bisogno di te". Ve lo dico? L'ho messa in seria difficoltà. I miei sgorbietti le hanno smorzato tutto il carico di fantasia che si è sempre portata dietro ^_^
Alla fine è così, li chiamo sgorbietti. Sono dei brutti ma buoni in versione salata. Sono gli inguardabili, ma anche gli irresistibili. Pessimi d'estetica, ma intensi nel sapore, ricchi di ricordi e di pura golosità.

Ingredienti

50 g di farina di ceci
35 g di acqua
5 g di olio evo + q.b.
sale nero di Cipro
130 g di porro
80 g di Fontal Nazionale
10 g di semi di sesamo
sale
farina di riso

Setacciate la farina di ceci in una ciotola capiente. Aggiungete l'olio e poi l'acqua, poco alla volta. Mescolate con una frusta, in modo da evitare che si formino i grumi.
Unite il sale nero di Cipro, mescolate bene e lasciate riposare la pastella, coperta con un foglio di pellicola trasparente, per un'ora, in frigorifero. Occupatevi, nel frattempo, del ripieno.
   Lavate il porro e tagliatelo a rontelle piuttosto fini. Fate scaldare un cucchiaio di olio evo in una padella e, quando sarà ben caldo, unitevi il porro. Fatelo cuocere a fiamma bassa, coperto, fino a quando sarà appassito e morbido. Salate a piacere. A questo punto spegnete la fiamma e lasciate intiepidire.
Tritate il Fontal e unitelo al porro, insieme ai semi di sesamo. Mescolate tutto, fino a creare una crema densa e ben amalgamata. Fate raffreddare completamente.
In questo modo acquisirà compattezza e sarà più facile lavorarla. Preparate su un foglio di carta assorbente un po' di farina di riso e riprendete la pastella di ceci.
Inumiditevi le mani. Prelevate una cucchiaiata scarsa di crema al porro e lavoratela fino a formare una polpetta. Passatela nella pastella, coprendone perfettamente l'intera superficie, poi nella farina di riso, impanandola completamente. Posatela su un piatto e continuate fino a terminare la crema di porro.
Fate riposare gli sgorbietti, così ottenuti, per almeno mezz'ora, in frigo o, ancora meglio, in freezer.
Sono consistenze piuttosto difficili da lavorare, ma con l'accortezza della mano inumidita, tutto riuscirà alla perfezione.
Scaldate dell'olio evo in una padella. Una volta che sarà molto caldo, adagiatevi delicatamente gli sgorbietti e fate in modo che vengano irrirati dall'olio su tutta la superficie.
Procedete con la cottura a fiamma viva, girando spesso e con estrema attenzione le polpette, fino a quando saranno dorate su tutta la superficie. A questo punto non vi resta che servirle. Io le ho presentate su un letto dei miei amatissimi germogli di soia saltati in padella.
Sono irresistibili da assaporare molto caldi, anche se vi consiglio di prestare attenzione al palato: il formaggio rovente è un grande nemico della gola e della fretta ^_^
In ogni caso anche tiepide hanno il loro perché. Acquisiscono compattezza, senza alterare la loro bontà.

E ora ditemi: brutti sono brutti, ma vorreste farmi credere che non siano una favola????? ^_^
Voi assaggiate, io mi gusto il sorriso di papà ; ))

75 commenti:

  1. che dolci e belli i ricordi dei tuoi genitori! qualcosa dalla tua mma devi aver preso, io una persona così fantasiosa in cucina non l'ho mai conosciuta!!!! Un bacio dolce Erica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei è fantasiosa in ogni cosa. A dirla tutta in cucina lo è molto meno. Ci compensiamo bene ^_^
      Un bacione tesoro, buon inizio di settimana.

      Elimina
  2. Mi sono persa nelle righe che hai scritto, ho immaginato, ho sorriso davanti al nome così buffo ma ben azzeccato di questo piatto...saranno anche poco eleganti nella forma ma leggendo ingredienti e procedimento si percepisce che devono essere gustosissimi, brava tesoro!!! Un abbraccio grande e buona settimana!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Virgi ^_^ Sempre dolce....
      Buona settimana dolcezza.

      Elimina
  3. Posso dirti che fatico molto a credere che ci sia al mondo una persona più fantasiosa di te? ;) Mi hai fatto sorridere con questi aneddoti! E i tuoi sgorbietti... considerato che amo porri e ceci alla follia, li replicherei volentieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Millemila sorrisi tutti per te Vane. Mi riempirei le mani e te li porterei di persona, credimi!!!!!

      Elimina
  4. BELLISSIMO il tuo post che mi sono letta tutto d'un fiato...i ricordi che uno si porta nel cuore sono essenze vitali per la nostra vita come queste bombe di bonta' con questo delizioso formaggio ...io vivrei di formaggi sai??e tu veramente hai una fantasia incredibile ...hai preso da mamma non c'è dubbio!!!!bacioni e una strettna forte forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I ricordi mi danno forza nei momenti di sconforto e mi insegnano a non mollare mai.
      Grazie Cinzia, un grande abbraccio.

      Elimina
  5. Stupendo questo post Erica pieno di dolci ricordi! Mi piacciono tanto questi sgorbietti...Bravissima!

    RispondiElimina
  6. sono adorabili e squisiti questi sgorbietti e la tua storia mi ha fatto sorridere, bei ricordi della tua infanzia, raccontati con passione e sincerità! peraltro tutti gli ingredienti mi piacciono un sacco, brava e bella erica, un abbraccio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi ingredienti legano alla perfezione Eli, provare per credere ^_^
      Grazie per il tuo cuore ^_^

      Elimina
  7. Adoro il porro e sicuramente questi sgorbietti sono molto deliziosi. Bello il racconto dei tuoi ricordi :), sempre intriso di dolcezza.
    Ciao Erica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la mia vita.... e mi arricchisce ^_^
      Grazie Tozoana, sei dolcissima.

      Elimina
  8. Sgorbietti è un nome troppo simpatico, ma ti assicuro che questi bocconcini sono belissimi e sicuramente deliziosi! Poi io amo i porri col formaggio (ieri sera li ho messi nella frittata con l'emmental...) quindi... :)
    Un bacio grande tesoro!
    PS: Secondo me tu invece hai ripreso dalla tua mamma e di fantasia ne hai tanta! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Chissà quanto gongola la mia mamma oggi, ahahahahahahah (e sicuramente starà pensando che lei, di fantasia, proprio non ne ha!!).
      Porro e formaggio, che delizia!!!! Splendido legame ;))
      Un bacione anche a te tesoro.

      Elimina
  9. ahahahahahahahah gli sgorbietti saranno pure bruttarelli, ma tu sei bellissima! e che tu non abbia fantasia vai a raccontarlo a qualcun altro!!! Ma quanto mi piace quando ci racconti, mi sembra di vederti lì a pregare che l'impasto lieviti :)))
    Un bacione tesoro di ragazza
    ps. ecco com'è che sei venuta così bella tu.... mamma e papà li hai dipinti che mi appaiono in tutta la loro bellezza :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma e papà sono le colonne portanti della mia vita. Non c'è niente di più che possa fare, se non essere loro riconoscente, con la gratitudine e con il ricordo.
      Hihihihihi.... l'imasto non sempre lievitava bene, ma non diciamolo troppo in giro :D
      Un abbraccio fortissimo dolce anima mia ^_^

      Elimina
  10. Buonoooo preso nota è quasi esattamente la mia ricetta di focaccia farina di ceci, porro ecc. questa mi piace ho ancoro della farina da usare. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, ora sono proprio curiosa di venirmi a vedere la tua focaccia!!!!! Corroooooooooooooooooooooooo :D

      Elimina
  11. Magnifici sgorbietti.......e che dire... se questa non è telepatia... io ho pubblicato ieri sera frittelle di farina di ceci e porri!! :) :).... decisamente i nostri pensieri ci uniscono prima delle nostre azioni! ti adoro amica mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non è neanche la prima volta che succede!!!!! Magari abbiamo cucinato questi piatti nello stesso giorno. Potrei morire :D Verifichiamo?

      Elimina
    2. Io venerdì sera.....e comunque i tuoi sgorbiati non sono affatto brutti... li provo con la mozzarella vegana! ;)

      Elimina
    3. Io giovedììììììììììììì :D
      Provali, poi mi dici ^_^

      Elimina
  12. Mi piace un sacco questo piatto.
    Brava

    RispondiElimina
  13. Sei un mito Erica!! Ti abbraccio forte!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esagerata!!!!! Però l'abbraccio lo prendo tutto ^_^

      Elimina
  14. Le tue parole, cosi profonde e sincere, mi hanno fatto riflettere... sei fantastica e i tuoi sgorbietti, sono divini!!!
    da provare... baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Questo, per me, è più importante di qualsiasi altra cosa. Arrivare al cuore. Smuoverlo. Grazie tesoro mio!!

      Elimina
  15. Il bello dei tuoi piatti è che nascono in un turbinio di ricordi, emozioni ed esperimenti, arrivando sempre ad un risultato unico e meraviglioso.
    E poi poverini, con quel malcapitato nome mi fanno ancora più tenerezza e quindi ne vorrei una dose doppia (anzi, come il tuo 'paio di etti' che sono diventati quasi 4: cheffaccio, lascio?? ) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia al salumiere (non che mi sia dispiaciuto!!! Ahahahahahahah).
      Grazie Monica per essere andata oltre una ricetta. Sei speciale.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  16. Anche io ho una mamma artistica e creativa :)
    E anche noi facevamo la pizza a casa al sabato, tirando l'impasto da una parte all'altra come se fosse un tiro alla fune, perchè si ritraeva! Quante risate!!
    Il fontal lo adoravo grattato sugli gnocchi, scioglievole.. che delizia!!
    Sgorbietti come nome devo dire che mi piace, sono divertenti e anche a tema Halloween, dato che è appena passato ;)
    Mille baci tesoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma.... davvero? Marghe, siamo veramente sorelle senza saperlo????? VOGLIO ABBRACCIARTI ALL'ISTANTE ^_^
      Grazie tesoro mio, grazie per aver condiviso le tue emozioni.
      P.S. Io il Fontal lo adoravo anche sugli gnocchi ai formaggi..... mmmmmmhh, solo al pensiero!!!! Quasi quasi li faccio ^_^

      Elimina
  17. Ihihih mi hai fatto sorridere con questo tuo post.. e credimi..mi ci vuole!!!!! Buonissimo quel formaggio.. lo ricordo bene.... I tuoi sgorbietti a me piacerebbero un sacco.. e poi..mica son tanto brutti!!!! smack e buon lunedì .-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono brutti????? Sembrano dei cervelli! Ahahahahahahahahah
      Ma come ne hai bospgno?? Cosa ti succede? Non farmi preoccupare. Ora vengo a portarti il mio abbraccio.
      Millemila sorrisi gioia.

      Elimina
  18. saranno pure degli sgorbietti ma a me piacciono....oh se piacciono!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. : ))))))))))))))) E questo mi rende infinitamente felice!!!!!

      Elimina
  19. Mesà che questo formaggio non l'ho mai assaggiato.
    Questi sgorbietti come li chiami tu, devono essere di un buono.

    Io penso invece che ne hai di fantasia e di creatività.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma mamma mi completa laddove io graffio ^_^

      Elimina
  20. Massi dai se son buoni va bene lo stesso....alla prossima magari curi anche l'estetica...o anche no! Tanto saranno finiti in un battibaleno!
    baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di meno, meno di un battibaleno, ahahahahahah. Giusto il tempo di un paio di frettolose fotografie ^_^

      Elimina
  21. questo tuo racconto mi ha fatto letteralmente sognare! Questi sgorbietti devono essere prelibati, secondo me! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Troppo carina Silvia. Grazie di cuore, un bacione.

      Elimina
  22. OGGI SONO RIUSCITA A PERDERMI NEI TUOI DISCORSI SUI FORMAGGI,AI QUALI SONO PARTICOLARMENTE AFFEZIONATA E SENZA DEI QUALI NON POTREI VIVERE, TOGLIETEMI TUTTO, MA NON IL FORMAGGIO E MI E' VENUTA UN'ACQUOLINA IN BOCCA!!!!COMPLIMENTI PER LA FANTASIA E DEDIZIONE CHE DEDICHI ALLA TUA CUCINA, IO NON SAREI MAI RIUSCITA A TIRAR FUORI UNA RICETTA COSI' APPETITOSA ED ORIGINALE!!!!!BACI TESORO!!!!SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che io pasticcio di continuo Sabry ^_^
      Grazie per queste parole e grazie per l'apprezzamento. Sei dolcissima.
      Un abbraccio grande.

      Elimina
  23. Sei unica Erica, con i tuoi racconti, mi delizi ogni volta! E io voglio assaggiare questi "sgorbietti" che poi tanto brutti non sono, a mio parere! Io ne voglio una decina solo per me xD adoro tutto ciò che è formaggio! *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dieci sgorbietti?????? Ma vuoi farne indigestione? Ahahahahahahah
      Bella Anna, sei deliziosamente bella!!

      Elimina
  24. preparazione elaborata ma ....IMMAGINIFICA!!!! sei una mente eccelsa e un palato sopraffino!!!! te la copio..naturalmente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facciamo che te la porto e tu mi prepari le tue splendide lumache? ^_^
      Deliziosa Mimma, ti abbraccio. Grazie grazissime ;))

      Elimina
  25. Ti dirò, che con quella crosticina fantastica tanto sgorbietti poi non sono! Dietro a una cuoca fantasiosa e ironica come te non poteva che celarsi una altrettanto simpatica famiglia :) Buon inizio settimana, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina che sei ^_^
      Grazie Alice, un bacetto.

      Elimina
  26. In questo caso la sostanza batte la forma :) Io non li vedo brutti, ma solo tanto tanto gustosi, fantastici dentro e fuori... grande Erica!!!
    bacioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima Ely!!!!! Così mi emoziono ^_^

      Elimina
  27. Fantastici questi bocconcini erica! Purtroppo qui solo io amo i porri... e così alla ine non li cucino mai... uffi. Graziosissimo post... un baciotto e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, un motivo in più per invitarti ad assaggiarli!!!! ^_^ Che ne pensi?
      Un bacione tesoro.

      Elimina
  28. Fontal nazionale! L'ho scoperto non da tantissimi anni e mi piace un sacco! E pure i tuoi sgorbietti sai?
    Che bello leggere di te, delle tue scorribande culinarie con la tua famiglia.
    Che bella sei. Che belli loro.:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sfide in casa erano continue ^_^ Cucinavamo tutti e 4, per cui immagina a tavola!!! "Mmmmhh, sono proprio stato bravo!!!", "La mia è più buona", "Sì, ma io avrei fatto meglio", ahahahahah. E mio papà era il più 'vanitoso' :D
      Grazie Silvia, ti mando uno schiocco di bacio enorme!!

      Elimina
  29. Le persone belle come te non possono che avere alle spalle una famiglia meravigliosa come la tua: sei e siete unici e stupendi, tutti e 4!!!
    Grazie per questa ricetta, perché racchiude ingredienti che la ciurma adora: i porri (Serena ne va matta) , il formaggio Fontal (mauro lo mangia a pezzetti come fossero noccioline) e la farina di ceci (io e Greta ci facciamo la frittata almeno una volta alla settimana). Vado a fare la spesa e voglio provare a portarla in tavola nel week end come il nostro sfizioso aperitivo! ti faccio sapere!!
    baci bella donna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E questa è una cosa che mi scalda il cuore!!!!! Come capisco ognuno di voi (Mauro, poi.... anche io non resisto dallo spizzarlo come fossero noccioline ^_^).
      Allora attendo speranzosa ^_^
      Grazie dolcezza, ti abbraccio forte.

      Elimina
  30. Io invece mi gusto il tuo racconto.
    Mi beo sempre nel leggere di te..., dei tuoi ricordi..., della tua famiglia!!! ♥

    Ed ogni volta, i tuoi racconti fanno da meravigliosa cornice alle squisitezze che prepari..., proprio come questi sgorbietti che sgorbietti non sono affatto!!!
    Sono assolutamente da provare, dolce Erica.
    Ce li hai raccontati così bene che mi sembra già di sentirne il sapore... mmmmmhhhhhhhhhh!!!
    Infinitamente grazie!

    Un bacio bello come te! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando leggo il tuo nome tra i tuoi commenti, mi siedo e mi prendo del tempo solo per me (e te ^_^). Poi leggo sempre tutto d'un fiato e finisco, sempre, con un sorriso. Sei benessere per la mia anima, dolce Emmettì. Grazie, grazie, grazie.

      Elimina
    2. "mi siedo e mi prendo del tempo solo per me (e te ^_^)"...

      Questa cosa è semplicemente bellissima ed emozionante...
      Sei unica Erica!!!
      Grazie a te!
      :***

      Elimina
  31. Molto molto bello il tuo racconto e favolose le tue creature (mi spiace chiamarli sgorbietti) tanto sane e gustose, proprio come piacciono a me!
    Un grande abbraccio Erica <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Grazie Annalisa, immagino ti abbia toccato particolarmente.
      Chiamali come vuoi, o magari non chiamarli neanche e assaggiali ^_^ Meritano decisamente. Grazie, grazie, grazie ;)
      Ti abbraccio

      Elimina
  32. mi viene proprio voglia di assaggiare questa tua ricetta,brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente è difficile resistevi ^_^
      Grazie Marco.

      Elimina
  33. Ciao Erica, mi piace accostarmi alla tua cucina :) Sei veramente brava!
    Mi unisco ai tuoi amici! Se vuoi puoi farlo anche tu... ti aspetto!
    Buona serata, Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Rosa e... benvenuta!!! ^_^
      Sei troppo carina ^_^

      Elimina
  34. Io che adoro i formaggi, in questa tua descrizione di crosticine, cremosità e profumi me ne fai venire una voglia matta. Passo al super stamattina.
    Dolcissimo il tuo racconto e deliziosi questi sgorbietti. Mi piace molto l'uso della farina di ceci. Devono essere particolari. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma davvero????? Mi piace arrivare dritto allo... stomaco, così!! :D
      Allora non mi rimane che dirti che attendo il tuo parere ^_^
      Un bacetto tesoro.

      Elimina
  35. ... mi affascina questo piatto per i porri e per il formaggio, che amo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E insieme, ti garantisco, stanno divinamente ^_^
      Grazie Paola, un abbraccio.

      Elimina