lunedì 29 settembre 2014

Caciotta alla piastra con pesche al basilico e pompelmo: una vita, un giorno, il per sempre

Ad un mese esatto da quel giorno importante, vi parlo delle emozioni che sono nate e che custodisco dentro di me, e le racchiudo tutte in questo piatto.
Per lunghi anni le vacanze di famiglia ci vedevano, mamma papà mio fratello ed io, condividere le tradizioni e la vita del paese natale di mio padre: Barrea, parco Nazionale d'Abruzzo. I profumi che sentivo lì erano unici e le usanze di quel paesino sul lago, arrampicato su interminabili scalini, rendevano gioiosi i giorni trascorsi insieme.
Ormai era da molto tempo che questo non succedeva: tutti e quattro, in quella terra, non ci eravamo più tornati. Non prima di un mese fa. Papà aveva un desiderio, il suo ultimo desiderio. Voleva ricongiursi alla sua terra, diventarne parte, guardare e nutrire i suoi amati faggi. E per noi questa è diventata una necessità. Ma anche una grande sfida. Rirovare quei profumi, rivivere quelle stradine, il sorriso degli amici di sempre, l'accoglienza di un paese generoso.... è stato così intenso e così forte che..... mai avremmo immaginato quanto questo ci avrebbe segnato.
In una delle cene di quei pochi giorni di permanenza, l'amico d'infanzia di papà ci ha fatto assaggiare, nel ristorante del figlio Danilo, un piatto pazzesco. Una semplicissima fetta di caciotta, scottata su una piastra rovente e coperta da caramello e noci. E' stato un attimo: mamma ed io ci siamo guardate, ci siamo scambiate un complice gesto di assenso e ho capito che, presto, avrei replicato quel piatto. Ma con l'interpretazione in chiave cuocherellona.
Siamo ripartiti pieni di tanti pensieri, tanti omaggi e quella caciotta. Ed è stato inevitabile proporla. Inevitabile parlarvene. Inevitabile farvene assaggiare la semplicità e la meraviglia. Inevitabile portare sulla vostra tavola una manciata di vere emozioni.
Nella vita, ho imparato, che sono le difficoltà a regalarci le migliori occasioni per imparare, per crescere e confrontarci con noi stessi. Ed è nelle difficoltà che capisci realmente chi è amico e chi solo comparsa. Papà, laggiù, ne aveva davvero tati di amici. Amici che ora non risparmiano di dimostrare a noi il loro affetto. Grazie di cuore a tutti. So che qualcuno di voi mi legge in queste pagine. Arrivi forte e sentito il mio, il nostro grande abbraccio ^_^

Ingredienti

1 fettina di caciotta di vacca
1 pesca
10 foglioline di basilico fresco

1 pompelmo rosa
10 g di nocciole
sale
olio evo

Lavate la pesca, asciugatela e tagliatela a dadini, tenendo da parte 3 fettine.
Fate scaldare un filo di olio evo in una padella. Lavate le foglioline di basilico, asciugatele delicatamente e spezzettatele finemente.
Lavate il pompelmo e grattugiatene metà della scorza, facendo attenzione di non utilizzare la parte bianca.
Unite scorza e basilico in padella e fate soffriggere leggermente.
Versate, quindi, la pescha tagliate a dadini e lasciate cuocere, e insaporire, fino a quando sarà morbida. Spremete il pompelmo e, quando si sarà asciugata, bagnate la pesca, in modo che rimanga sempre cremosa.

Nel frattempo scaldate una piastra (o una padella antiaderente). Non aggiungete grassi. Quando sarà molto calda, adagiatevi la fettina di caciotta.

Fatela rosolare a fiamma viva fino a quando si sarà formata una crosticina. Dovrà rosolarsi, ma non sciogliersi. A questo punto girate la caciottina e fatela rosolare anche dall'altra parte.
Quando sarà pronta, trasferitela in un piatto.
Copritela con la dadolata di pesche al basilico e unitevi, a mo' di decoto, le fettine di pesca tenute da parte, che avrete fatto rosolare sulla piastra.
Pestate in un mortaio le nocciole, in modo che rimangano piuttosto grossolane.
Spargetele sulla superficie e servite.
E' bene che il piatto sia caldo, in modo che il formaggio non raffreddi e che mantenga, in questo modo, la morbidezza e la sua totale avvolgenza, tra la pasta filante della caciotta e la dolcezza delle pesche.

La provenienza del formaggio è sicuramente garanzia di riuscita. L'amore che vi lega ad un piatto, garanzia di apprezzamento.


58 commenti:

  1. Stupenda, Erica. Questa ricetta con tutto il suo carico di emozioni. Le prove della vita ci insegnano che possiamo essere più forti di quanto crediamo ed è vero: ci fa scoprire con amarezza che certe persone sono solo comparse. Un dono inestimabile sono invece gli amici veri. Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna papà laggiù non aveva comparse ^_^
      Grazie Vane, ti abbraccio forte.

      Elimina
  2. Ti faccio i miei complimenti per questo piatto, sicuramente non fa per me dato che la caciotta è uno di quei formaggi che decisamente non amo ma se guardo gli ingredienti, l'abbinamento dei sapori e so immaginarmelo perché le caciotte so che gusto hanno, non posso fare altro che dirti brava, tu sei avanti, avanguardia culinaria!! E non scherzo affatto!! Un bacio grande e che tu possa avere mille altre ispirazioni dal cuore!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Queste parole mi scaldano il cuore. Grazie tesoro, sai toccare nel profondo.
      Un abbraccio.

      Elimina
  3. ....i profumi che rievocano ricordi, sensazione vive e palpabili...è un'esperienza che, ogni volta, mi emoziona....e tu hai elaborato un piatto, semplicemente divino mia cara!!!! bravissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei deliziosamente magica.... Grazie Mimma ^_^
      Ti stritolo di abbracci.

      Elimina
  4. Mi piace!!!!! Ma come fai ad avere sempre delle idee così alternative e stuzzicanti? Grande Erica! Smack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il cuore che parla, dolce Erika ^_^
      Grazie infinite.

      Elimina
  5. Bellissimo ed emozionante post con una ricetta semplice ma veramente straordinaria anche perchè fatta con il cuore, bravissima e particolare come sempre!!!
    Baci

    RispondiElimina
  6. Bellissimo articolo Erica e soprattutto un piatto che ho tanta voglia di assaggiare! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. : )) E questo mi fa tanto tanto tanto piacere, cara.

      Elimina
  7. Ma daiiii le pesche al basilico!!!
    Che bella ricetta.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh, aromatizzate al pompelmo, poi.... un vero incanto ^_^

      Elimina
  8. Stupenda tu, stupenda la ricetta! ti abbraccio e ti stringo forte, ma forte!
    Manu & Ciurma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa l'egoismo, ma.... prendo tutto l'abbraccio ^_^
      Grazie Manu, grazie ciurma!!

      Elimina
  9. Evidentemente il tuo papà aveva seminato molto bene, e i frutti che avete raccolto durante il vostro viaggio sono uno dei tanti regali che lui continua a farvi, giorno dopo giorno. Te ne arriveranno molti suoi doni in questo modo sai, lui doveva essere davvero speciale e non fatico a immaginarlo conoscendo te... Con la tua reinterpretazione di quel piatto hai reso omaggio benissimo ai suoi amici (e hai fatto venire una dolce fame a me). Ti abbraccio anima mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'Anima mia' sei tu per me.... Grazie per essere così e grazie per esserci.
      Ti stringo con il mio infinito affetto.

      Elimina
  10. la ricetta è buona nella sua semplicità, a cui tu hai aggiunto la tua personalità come fai sempre in ogni ricetta. Però qui, si sente che dietro c' è molto altro. Ci sono ricordi, amore, riconoscenza e nostalgia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già Vale.... ci sono sensazioni che..... uff, che fatica :)

      Elimina
  11. E' una ricetta strepitosa, un mix di sapori e consistenze davvero unica, fra tutti, l'ingrediente che rende speciale questa ricetta cara Erica, sono le emozioni che sei riuscita così abilmente a trasmettere!!! Brava :)
    Bacioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, grazie per essere andata oltre.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  12. Che belpost ricco di emozioni cara Erica... e urca che particolare e allo stesso tempo sfizioso e semplice il piatto che ci proponi!!!!!il gusto della caciotta accostato al dolce delle pesche e poi il pompelmo.. le noci.. ammazzache robetta da cuocherellone! un bacione e buona settimana :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello ritrovarti in queste emozioni. Grazie Claudia, un abbraccio.

      Elimina
  13. SICURAMENTE IL TUO PAPA' ERA UNA PERSONA ECCEZIONALE COME TE, VISTO CHE HA TANTI AMICI COSI'!!!I TUOI PIATTI ESPRIMONO SEMPRE IN PIENO LE TUE EMOZIONI E SEI RIUSCITA MOLTO BENE AD ESPRIMERLI!!!!VORREI TANTO ASSAGGIARE LA TUA CACIOTTINA, MOLTO DELIZIOSA!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci provo in tutto, non solo in cucina. E quando ci riesco.... mi sento viva come non mai.
      Grazie Sabry, un bacione.

      Elimina
  14. Leggendoti mi sono ritrovata nei tuoi pensieri. Sì è esattamente come scrivi "Nella vita, ho imparato, che sono le difficoltà a regalarci le migliori occasioni per imparare, per crescere e confrontarci con noi stessi. Ed è nelle difficoltà che capisci realmente chi è amico e chi solo comparsa".

    Tu hai onorato in maniera egregia quel magnifico prodotto di terra abruzzese, a me tanto cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggo le tue parole e le tengo strette dentro di me. Non ho nulla da aggiungere, mi emozioni. Grazie.

      Elimina
  15. Tuo padre era una persona speciale Erica... vedi... chi semina raccoglie, affetto, amici , persone ed è quello che è successo a lui... la riprova che le anime belle hanno sempre qualcosa da regalare anche quando il loro corpo non c'è più. Ne conoscevo un'altra di persona così..
    Quella fetta di scamorza rende piena giustizia al quella del ristorante... io lo chiamo il lusso della semplicità e in cucina ci vuole arte per riproporlo e tu l'hai avuta:) un abbraccio:**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei deliziosa Simona. Tu e l'anima di quella persona speciale ^_^
      Grazie tesoto, un abbraccio.

      Elimina
  16. Dolce Erica...

    Anche in questo post nessuna parola..., ma solo il mio cuore che batte forte e che si emoziona vicino al tuo! ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I dettagli che fanno la differenza. Grazie Emmettì ^_^

      Elimina
  17. Tutte le tue emozioni e la tua bellezza d'animo arrivano sempre dritte al cuore, cara Erica. Sei una persona speciale, così come il tuo papà.. un cuore ricco d'amore da condividere con il prossimo. Questa caciotta deve essere di un buono pazzesco, l'abbinamento pesca, pompelmo e nocciole mi ispira tantissimo. Complimenti tesoro, ti stringo forte forte e ti sono vicina <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non immagini quanto il tuo abbraccio e le tue parole siano, per me, preziose. Grazie di cuore dolce Vale. Sei un angelo.

      Elimina
  18. un post eccezionale, come eccezionali sono le emozioni e i sentimenti che provi, ricettina particolare, da provare! Un abbraccio forte (no,, anzi fortissimo, da stritolamento!) SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, sei dolcissima ^_^
      Prendo l'abbraccio e ricambio di cuore.

      Elimina
  19. Il tuo racconto rispecchia in po' i miei pensieri di questo ultimo periodo. Hai a ragione Erica a dire che è proprio nelle difficoltà che dimostriamo di essere in grado di superare noi stessi. Anche se abbiamo sempre pensato il contrario. Ti auguro di essere sempre così determinata, sopratutto in quei giorni che sentirai venire meno le forze. Sei una persona fantastica e lo si vede anche da ciò che prepari e crei nel tua cucina :) questo piatto deve essere una delizia...
    Ti abbraccio forte e ti auguro una dolce serata <3
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di cuore che tu sappia fare buon uso degli ostacoli che la vita ti offre. E' utpica una vita senza difficoltà, ma è meravigliosa una vita in cui si possa imparare a vincere.
      Grazie tesoro, sei deliziosa. Ti abbraccio forte.

      Elimina
  20. bellissime parole e ricetta splendida <3

    RispondiElimina
  21. Sei dolcissima.... Erica sei una persona speciale e me ne rendo conto post dopo post... Sulle ricette che proponi già sai quello che penso...., sei unica!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sia proprio tu a dirmelo, lo ripeterò all'infinito, mi riempie di infinita gioia. GRAZIE!!!!

      Elimina
  22. Ciao! formaggio e...agrumi! solo tu potevi pensarci! particolare gioco di sapori e consistenze :-P

    RispondiElimina
  23. Come sono dolci e commoventi le tue parole oggi.. quanto è vero che sono le difficoltà che danno insegnamenti, sono le fatiche che ci fanno assaporare la vittoria, ti abbraccio Erica, questa caciotta è dolce, come il tuo post!
    Un bacio e a presto :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiudo gli occhi, davani alle tue parole, e cerco forza ^_^
      Grazie dolcezza, un abbraccio.

      Elimina
  24. Cara erica grazie di aver condiviso con noi un carico così intenso di emozioni, una caciotta speciale piena di amore, un forte abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, sei dolcissima. Un abbraccio grande.

      Elimina
  25. Mi hai fatto commuovere ...hai detto parole verissime...che bello questo viaggio avete fatto proprio bene ,ha fatto bene al vostro cuore,
    eeeeeee questa CACIOTTA CON CARAMELLO E' DA SBALLO TI GIURO AVREI LECCCATO IL MONITOR...TI STRINGO FORTE CARISSIMA CIAO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D Grazie Cinzia!!!!
      Un abbraccio, ciao ;)

      Elimina
  26. Cara Erica, sei emozionante in questo post più che mai, mi hai lasciato senza parole davvero, le uniche che riesco a dirti è che sei una persona unica, anche se non ti conosco bene, lo percepisco da queste parole, dai tuoi post ma anche dalle tue ricette, sempre fatte con il cuore, sempre nate da sensazioni ed esperienze, complimenti davvero e continua così, un abbraccio grandissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei davvero mlto dolce, le tue parole sono emozionanti. Le terrò gelosamente con me, e ne trarrò forza nei momenti difficili ^_^
      Grazie per apprezzare e per la tua sensibilità.
      Un abbraccio ^_^

      Elimina
  27. Post intenso, sotto tutti i punti di vista. Mi piace l'intreccio tra vita, esperienze e cucina. Da esperienze dolorose nascono gli insegnamenti più veri.
    Tornando alla cucina ... io non so quale scegliere. Se la ricetta che hai assaporato a Barrea o quella che proponi tu. Mi piacciono entrambe!
    Quindi il tuo papà era abruzzese?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, mio papà era abruzzese e io ne vado fierissima ^_^
      Provale entrambe, cara, sarebbe un'ottima soluzione ;))

      Elimina
  28. Risposte
    1. E lo prendo eccome, il tuo abbraccio ^_^
      Però ricambio con piacere, perché so che anche tu..... un po' ne avresti bisogno!!

      Elimina
  29. Mitica tu e stupenda la ricetta! Strepitosaaaaaa
    Ti abbraccio
    ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)))) E dolce tu!!!! grazie cara. Ti abbraccio.

      Elimina