martedì 25 febbraio 2014

Burro di soia: valori e buoni propositi nelle scelte del quotidiano e le immancabili conquiste

Lo definisco burro. Burro perché è ricavato dalla lavorazione di un latte. Di soia, che latte lo è, ma vegetale. Un cruccio che mi perseguita da un po', da quando la margarina mi soddisfa, ma con i suoi limiti. Poi incontro Lucia, con il suo blog meraviglioso. Vegana. Lei ha intrapreso questo stile di vita che per molti è esagerazione. Per me è una scelta fortissima, importante e difficile. Ma è motivata da grandi valori e splendidi propositi di rispetto reciproco. Lucia offre il suo mondo, nel suo blog. Un mondo che mi incanta, come sempre mi incantano le scelte portate avanti con coerenza. Mi trovo, così, davanti a questo spunto, il burro di soia. Mia cara Lucia, come resistervi? Divoro le sue parole, faccio mente locale sulla mia dispensa e..... ho tutto! Non mi resta che provarci. E ci provo. Descrivere la soddisfazione che vivo ogni volta in cui mi misuro con una nuova sfida, raggiungendo un piccolo traguardo, è difficile. A volte credo di essere la prova che dal piccolo possano nascere grandi cose. E queste cose le sto apprendendo da speciali esperienze di condivisione. Grazie Lucia.
La ricetta è stata in parte rivisitata.

Ingredienti

1 l di latte di soia (puro)
50 ml di aceto di mele
120 g di olio di cocco
50 g di olio di semi di soia
1 cucchiaino di lecitina di soia
1 cucchiaio di acqua
1/2 cucchiaino di sale fino

   Versate il latte di soia in un pentolino e portatelo alla temperatura di 80°. Per chi non avesse il termometro, la temperatura sarà quella in cui il latte inizierà a formare la pellicina in superficie.
Raggiunta questa temperatura spegnete il fuoco e versate l'aceto di mele. Vedrete che inizieranno a formarsi dei fiocchetti, conseguenza della cagliatura.
Rivestite un colapasta con un canovaccio pulito e versatevi il composto all'interno. Fate filtrare il siero e strizzate bene la pasta che rimarrà all'interno (si tratta del fantomatico tofu). Eventualmente sciacquatelo sotto l'acqua per togliere il sapore dell'aceto.
Versate un cucchiaino di lecitina di soia in un biccherone.
Unite l'acqua e lasciatela ammorbidire. Aggiungete l'olio di cocco e l'olio di semi di soia.
Unitevi il sale e il tofu ricavato dal latte di soia.
Passate tutto con un frullatore ad immersione, lavorando per alcuni minuti, fino a formare una crema della consistenza di una maionese.
Versate il composto in stampi rettandolati e mettete in frigorifero per almeno 6 ore, in modo da far compattare tutto.
L'olio di cocco, che con il freddo diventa un burro solido, darà la consistenza solida al panetto e l'olio di semi di soia lascerà quella nota di morbidezza.
Non vi rimarrà altro da fare che gustare il vostro burro su una semplicissima fetta biscottata oppure in qualsiasi altra preparazione.


Si conserva in frigorifero per 5 o 6 giorni, in una vaschetta coperta, ma volendo lo potrete congelare e tirare fuori all'occorrenza.


49 commenti:

  1. sicuramente buono il tuo burro di soia.la scelta vegan, viene dal cuore.e tutto quello che viene dal cuore non si può considerare esagerato.e poi...non è difficile dai.basta volerlo veramente e vedere le cose da un'altra prospettiva.Ciao cara, ti auguro una buonissima giornata e ti dò un abbraccio grande per le belle parole.lucia è una bella persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Lo so bene che non è una scelta esagerata, quella del veganesimo. Infatti mi scontro costantemente con questo modo di vedere e cerco, nel mio piccolo, di spiegare i valori che ne stanno alla base. Ma il cambio di prospettiva nella visione delle cose è molto difficile. Ma dà anche molti vantaggi ; ))
      Grazie Vale, un bacione enorme.

      Elimina
  2. ottimoooo!!!!! ma dove lo trovo l'olio di cocco??? baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo prendo nel negozio bio. Al supermercato non l'ho mai trovato.
      Grazie Mimma ^_^

      Elimina
  3. Ciao Erica, il burro di soia !!!! Mai provato.. ma devo dire che mi affascina davvero :-) Proverò la tua ricetta appena ho un attimo libero ! Complimenti per l'articolo !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Grazie Roberta, un abbraccio e buona giornata.

      Elimina
  4. Eh eh, certo che le studi tutte!!! Però è vero, l'olio di palma è pestilenziale e quindi brava!! Ottima soluzione!! Un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai bene Silvia che sono attenta al dettaglio ^_^
      Un bacione, grazie!!

      Elimina
  5. Però...questa proprio mi mancava!!!
    Grande Erica...come sempre del resto!!!!

    Un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella Monica ^_^
      Grazie di cuore. Un bacione.

      Elimina
  6. grazie per questo utilissimo post, ne sai sempre una di più degli altri, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che meravigliose parole, Silvia. Grazie a te.... che forza mi hai dato!! ^_^

      Elimina
  7. è molto interessante la tua ricetta! Complimenti per la preparazione! Sei stata bravissima cara Erica! un abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ; ) Grazie Angelica. Un forte abbraccio anche a te!!

      Elimina
  8. Interessante .. grazie!!Da te si scoprono sempre cose nuove, I <3 it!Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella che sei Meggy!! Come io imparo sempre ora da te, ora da qualcun altro!! Grazie di cuore ^_^

      Elimina
  9. Io apprezzo molto lo stile di vita dei vegani, anche se non lo condivido in pieno, ma sulla soia ho alcune perplessità!in ogni caso sono convinta che si debba andare in questa direzioni per fattori di salute ed etici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto mi piacerebbe approfondire questo argomento, Aria!! Ascoltare le tue perplessità e sentire cosa non condividi. Per capire, per crescere, per rafforzare un'idea. Sei preziosa tesoro mio.
      Un bacio grande.

      Elimina
  10. Ahhh il burro di soia mi mancava!!! che brava.. ottimo sostituto della margarina vegetale!!! smackkk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quantomeno per la consistenza, che si presta maggiormente a preparazioni per cui la margarina home made (sai che io non uso altro!) è poco strutturata.
      Grazie Claudia, mi conquisti sempre con la tua energia ^_^

      Elimina
  11. Domani vado a prendere lecitina e olio di cocco e giuro che nel week provo a farlo: straordinario! Tu sai bene che io non sono vegana ma cerco di portare sempre in tavola cibo sano e genuino e questo prodotto è un ottimo sostituto della margarina vegetale ! Zia Erica sei una fonte di idee geniali ... Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu sei una mamma speciale. Ogni volta che leggo e vedo cosa mangiano le tue principesse il mio cuore si inorgoglisce. Sei un vero esempio da seguire. Bravissima Manu!!

      Elimina
  12. Molto ma molto interessante tesoro!! qui si aprono mille prospettive!! ti adoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. : )))))) Millemila sorrisi tutti per te!!

      Elimina
  13. Brava Erica! Proverò a farlo sicuramente. Fino ad ora mi sono limitata a preparare la margarina vegetale ma non al burro di soia non ero ancora arrivata ;-) Grazie per la condivisione. Smack!!!
    Federica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per averne colto l'importanza. Un abbraccio grande ^_^

      Elimina
  14. Indispensabile!!! Anche per Mary Grace! ;)
    Grazie, tesoro! Mi sei stata, come sempre, preziosissima!
    Baci
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, perché le nuove tracce di MG in cucina devono essere supportate da alimenti sani ^_^
      Ti adoro.
      n abbraccio grande.

      Elimina
  15. 6 una potenza! Non ho mai immaginato che si potesse ottenere un risultato simile in casa..grazie dell'ispirazione ^_*
    la zia consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci pensavo da un po' e ci avrei voluto provare. Ecco, si può fare!!!! Se aumentassi la percentuale del burro di cocco a discapito di quello di soia, avresti una consistenza ancora più soda. Provaci zietta!!
      Un bacione. Grazie a te ; ))

      Elimina
  16. Non nego che sia una ricetta complicata, ma vale la pena provarci ;-)
    Sei sempre più avanti Erica, instancabile!!!! Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vica, non farti ingannare: è molto più semplice di quanto possa pensare!! Vale eccome la pena provarci ^_^
      Grazie cara, un bacione grande.

      Elimina
  17. no vabbè..il burro di soia casalingo è fantastico!!! grazie per aver condiviso questa ricetta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Sorelline belle grazie di cuore!!
      Un abbraccio grande.

      Elimina
  18. Sono rimasta senza parole!!! mai avrei pensato si potesse fare in casa cosi semplicemente ...e' veramente un peccato morire!!!!ti abbraccio carissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahah, grande Cinzia! E' un peccato morire..... mitica!!
      Un abbraccio anche a te, grazie.

      Elimina
  19. Che bella scelta quella vegana....magari un po' drastica per i miei gusti, ma davvero una scelta importante che mi ricorda i nostri fallimenti familiari in tal senso.
    Io e mio marito a più riprese abbiamo tentato la strada del vegetarianesimo che nel mio cuore e in quello di mio marito sarebbe la strada più giusta da seguire sia per un discorso di salute, ma soprattutto per un discorso etico....non ci siamo riusciti.
    Dopo qualche giorno ricadevamo nella tentazione e abbiamo rinunciato. Sono davvero invidiosa di chi riesce a dimostrare una forza di volontà simile!
    Ottimo questo burro....mi fornisci sempre spunti davvero interessantissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho un fratello vegano, di cui ho studiato bene i dettagli in questa scelta: cioò che muove una persona verso il veganesimo (non ti parlo del vegetarianesimo) è l'etica, è il rispetto verso il mondo animale e il rifiuto del loro sfruttamento. Non si diventa vegani per pura scelta salutista, ma per l'accettazione dell'animale come proprio simile, come essere vivente con anima e sensazioni. Questo dà stimoli forti. Per questo io trovo la scelta del veganesimo molto più coerente di quella del vegetarianesimo. E per questo non la trovo estremizzata. Proprio perché so da cosa è mossa. Spesso è proprio la nostra cultura e la nostra massificazione di pensiero che ci fanno desistere.
      Grazie infinite Simona, le tue sono parole importanti e un valido spunto di confronto.
      Un abbraccio grande.

      Elimina
    2. grande!sai che è molto raro trovare onnivori che la vedano come te?è più probabile incontrare persone che ti guardano come un marziano e poi partono frasi tipo....ah, ok...vegetariano si, ma ADDIRITTURA vegano, no!siete estremisti (con una chiara accezione negativa del termine, tipo estremisti=terroristi).oppure...e va bè dai...capisco ancora ancora la carne, ma per fare il latte mica muoino le mucche!etc etc etc.la più bella, negli anni è stato uno che dopo avergli detto che ero vegana, mi guarda perplesso e preoccupato e mi fa...poverina, ma poi passa?no, cioè questo pensava che fosse una specie di malattia.

      Elimina
    3. Ahahahahahahah, "ma poi passa?" non si può sentire!!!!!
      E' molto difficile far capire questo pensiero, ma mi ritengo fortunata di sentirlo mio.
      Grazie Vale, io ti stimo molto e queste parole mi gratificano enormemente.

      Elimina
  20. Ricetta interessante anche se sono lontana dal mondo vegano ma lo rispetto...
    Credo che questo burro possa essere una valida alternativa all'altro che peraltro uso pochissimo!

    Brava
    Un bacione e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che è proprio il rispetto alla base del veganesimo? ^_^
      Grazie Silvia, un bacione grande ; )

      Elimina
  21. Sei una grande!!!!
    Complimenti anche a Lucia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucia è stata una grande e lo è sempre.
      Grazie Marisa, sei una forza!!

      Elimina
  22. Grazie, per aver aggiunto anche la tua voce, anche se in un certo senso "disinteressata" e non di parte. Credo parole come quelle che hai usato tu, da persona non è vegana, siano quanto di più prezioso per avvicinare a questo pensiero anche qualcuno che ancora non conosce, o era fermo all'idea dell'estremismo. E grazie perchè il burro di soia accidentacci a quell'olio di palma malefico non lo compro più, e il tuo mi piace un sacco, Devo solo prendere la lecitina di soia, che però è un barattolone, e ok un cucchiaino qui, ma del resto, che ne faccio??
    Un bacione :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il resto della lecitina ci fai il pane, ci fai torte e impasti, e lo spacci a chi ha problemi di colesterolo ^_^ Non ha breve scadenza, per cui credo si possa fare ; )
      Grazie a te per la tua sensibilità. Un bacio grande!!

      Elimina
  23. Ciao Erica.. era un po' che non passavo da queste parti e mi è caduto l'occhio qui :-) Sono contenta che l'autoproduzione del burro di soia si diffonda.. per l'ambiente, gli scimpanzè, la nostra salute.. piccoli gesti che nascono dalla consapevolezza che ogni nostra azione ha effetto non solo su di noi, ma anche sulla nostra città, nazione, pianeta, universo.. è questo che farà la differenza :-) Ho apprezzato molto le parole, ora vado a vedermi le ricette arretrate che non voglio perderne nemmeno una! a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Lucia. Parole ricche di valori e di importanza. Si parte sempre dal piccolo e si cerca di diffondere.
      Un bacione grande ^_^

      Elimina
  24. Erica dopo aver fatto il latte di soia e lo yogurt di soia...come non provare a fare questo burro????!!!!! Grazie per la ricetta...:-D

    RispondiElimina