giovedì 13 febbraio 2014

Crocchette di salmone e cavolini di Bruxelles in crosta di Venere: la totalità dei sensi che infrange il bon ton

Quello che mi lega al riso venere è un amore viscerale. Il suo colore intenso mi travolge, quasi mi ipnotizza. L'aroma che sprigiona in cottura mi abbraccia infondendomi forza e conforto. La delicatezza del suo sapore mi coccola e la sua consistenza mi sussurra, all'orecchio, accostamenti talvolta bizzarri. Il suo incontro è una di quelle magie che archivio come esperienza sensoriale, dove tutto inizia dall'approccio visivo per finire a coinvolgere ogni senso. Quando pensai ad una panatura, creata con questo magico elemento, non incontrai dubbi. Sapevo che il risultato sarebbe stato all'altezza delle mie aspettative, se non oltre.
Tritando quei chicchi intensi, nel colore e nel sapore, il sorriso di soddisfazione già illuminava il mio volto. Il cuore ha carattere, ma rispetta la delicatezza di sapori. La struttura è essenziale, il bilanciamento è il puntino sulla "i".

Ingredienti

200 g di salmone fresco pulito
10 cavolini di Bruxelles
15  di mandorle (con la pellicina)
1 cucchiaino di curcuma
sale
noce moscata
pepe
olio evo
pangrattato di riso venere (ottenuto da 35 g di riso venere)

Mondate i cavolini togliendo le foglie più esterne. Tagliateli a metà e fateli bollire, in acqua salata, per una decina di minuti.
Quando saranno morbidi (ma non troppo) scolateli e gettateli in un recipiente di acqua ghiacciata, in modo da fermare la cottura.
Versateli nel boccale, insieme al salmone pulito e privato della pelle, alle mandorle, al sale, al pepe, alla noce moscata e alla curcuma. Le quantità delle spezie possono variare in base ai vostri gusti. Le mandorle le aggiungo insieme al resto degli ingredienti, in modo che non diventino troppo fini.
Tritate tutto fino ad avere un composto omogeneo, ma non troppo uniforme. Assaggiate ed eventualmente correggete di sale.
Preparate, ora, il vostro pangrattato, tritando i chicchi crudi di riso venere. Lasciate lavorare le lame per diverso tempo, in modo che si formino granelli piuttosto piccoli.
Prelevate un po' di impasto e lavoratelo tra le mani umide, dando una forma sferica. Passate, ora, la polpettina sul pangrattato, allungandone la forma a cilindro.
Fate in modo che la panatura ricopra perfettamente tutta la superficie.
Adagiate ciascuna crocchetta, così ottenuta, su una tegliarivestita da carta forno. Io ho cosparso anche un po' d'olio, proprio un filo, che non lasciasse secco l'impasto in cottura. Procedete con il restante impasto, fino al termine.
Accendete il forno e portatelo alla temperatura di 200°. Infornate e cuocete per 20 minuti, in funzione ventilata. Trascorso il tempo, girate le crocchette sul lato opposto e proseguite la cottura per altri 10 minuti.
Alla fine dovrete ottenere delle crocchette dalla crosticina bella croccante. Il tatto vi aiuterà a valutare la cottura.
Sfornatele e servitele molto calde.

Il piacere di gustarle con le mani, a parere mio, amplifica i sapori. Del resto ci sono cose che devono infrangere le reole del bon ton!!

40 commenti:

  1. Sei geniale tu... devo assolutamente fare il pangrattato di riso venere, lo adoro!
    Queste crocchette poi... sane e buonissime, come piace a noi ^_^
    Buona giornata bella :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ile, che grande carica mi danno le tue parole!!
      Un abbraccio infinito

      Elimina
  2. Sono meravigliose Erica... Adoro tutti gli ingredienti... e la particolarità del pangrattato di riso venere... è una geniale!!
    Bravissima, buona giornata!
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michela cara. Un abbraccio grande ^_^

      Elimina
  3. Complimenti, chef creativa e originale! Questa è veramente un'esperienza sensoriale tesoro! <3 Che splendore!! Sei mitica, non smetterò mai di dirtelo! <3 Un bacione d'affetto <3 <3 :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatti stringere forte forte, angelo mio!!!!! Sei speciale....

      Elimina
  4. Mitica!!!! Assolutamente delle crocchette squisite ed originalissime!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Grazie Silvietta bella. Un abbraccio grande.

      Elimina
  5. Che bella idea, davvero originali e sfiziose le tue crochette, complimenti cara. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniele, di cuore ^_^ Buona giornata anche a te!!

      Elimina
  6. che idea originale! mi piacciono molto e lo trovo davvero particolari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazieeeeeeeeeee ^_^
      Un bacione, buon pomeriggio

      Elimina
  7. Ma come fai a pensare ste ricettine tu!!! hai una testa così fantasiosa.. E poi tutte così sfiziose..mi piacciono! baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno in questo cerco di dare spazio alla mia creatività, ahahahahahah (piccolo sfogo da rabbia repressa ^_^)
      Un bacione cara Claudia, è sempre un piacere leggerti ; )

      Elimina
  8. La creatività all'ennesima potenza! Erica, riesci sempre a stupire! Pangrattato di riso venere? Lo voglio! Devo assolutamente provarlo. Un abbraccio, carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah, grazie Silvia. Provalo: sai bene quanto il riso Venere sia prezioso e quanto sia buono. Non ne potrai più fare a meno ; )
      Un abbraccio grande anche a te!!

      Elimina
  9. Il pangrattato di riso venere ... sei un genio! Anch'io adoro questo tipo di riso, un profumo fantastico e un gusto unico che con gioia ho fatto amare anche alle mie due principesse!
    Devo assolutamente provare a fare queste polpettine, magari anche solo di verdure ..
    Riesci sempre a stimolare la mia fantasia con la tua cucina super creativa! ciao carissima buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manu, mia cara Mano, ho idea che le tue principesse siano così dolci e affabili..... credo potrei innamorarmene all'istante. Anzi, da buona zia mi sento già di voler loro un grande bene ^_^
      Grazie di cuore per queste splendide parole. Ti abbraccio stretta stretta ^_^

      Elimina
  10. Ma che meravigliosa fantasia!! originalissime e molto colorate, complimenti!!

    RispondiElimina
  11. Davvero geniali queste crocchette...6 unica cara mia! Mi piace tantissimo l'accostamento cavoli-pesce e se ci aggiungi anche il profumano riso nero è un capolavoro di gusto ^_^
    Complimenti!
    la zia consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie zietta, sei sempre molto carina.
      Un abbraccio grande

      Elimina
  12. Complimentissimi per l'inventiva...l'idea di fare la panatura col riso è davvero particolare...bellissimo anche il contrasto con l'interno...il sapore dev'essere stato davvero incerdibile!!!!
    A presto!!!

    RispondiElimina
  13. Nooooo, ma che idea creativa!!!! Il riso venere non lo conosco molto, ma cavoletti di bruxelles e salmone sono nella mia top parade di cibi preferiti! un bascione cara!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora mettili in crosta di Venere e stupisciti!!
      Un bacione a te, mitica Patty!!

      Elimina
  14. interessante come utilizzi il riso venere, ne farò tesoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ La mia testa frulla pensieri di continuo, cara Molly. Grazie di cuore.

      Elimina
  15. beh questa proprio mi mancava :D la panatura al riso venere..solo tu :-p mi piace! particolarissimo l'effetto, adoro il salmone e i cavoletti, quindi apposto si può provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Che meraviglia...... come poter chiedere di meglio!!

      Elimina
  16. no vabbè...stupendo!!!! Un abbraccio fortissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *_* Grazie Flavia!!!! Un abbraccio anche a te.

      Elimina
  17. MMM mi paiono proprio buone queste crocchette... O_O mi sono appena resa conto che il riso venere non l'ho mai mangiato, forse questa è la volta che lo provo^^ Uu saluto by Dolce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai mangiato??????? Rimedia subito mia cara!!!!! ^_^
      Un bacione

      Elimina
  18. Stupende queste crocchette.cavolini e salmone è un duo che ci piace molto e la panatura al riso venere e una chicca da ricordare...piace moltissimo pure a noi per il colore e profumo che sprigiona ad ogni preparazione. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmmmmhhh, da non poter resistere ^_^
      Grazie ragazze!!

      Elimina
  19. Ma da dove ti vengono queste idee? Sei un vulcano Erica.
    Buonissime le polpettine; anche se il riso venere l'ho mangiato pochissime volte e non mi ha colpita in modo particolare credo che usarlo per una panatura sia una scelta davvero particolare e assolutamente da provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ La notte porta consiglio, a quanto pare, ahahahahahahah. A me toglie il sonno, prima di portare consiglio ^_*
      Grazie Monica, un abbraccio. E provaci: è davvero sfiziosa!

      Elimina
  20. Sono spettacolari!!! bravissima!! no avrei mai pensato di fare la panatura con il riso frullato!!! sempre cose nuove!!! Complimentissimi!!! :)))))))))))))

    RispondiElimina