lunedì 16 settembre 2013

Panbrioche dei "senza" con goloso ripieno di uva fragola e la dimostrazione che solo chi osa... ottiene

Dai tempi della mia prima volta con il pane in cassetta, e poi ancora con la versione ai cereali, avevo in mente di cimentarmi nella variante dolce di questo pane goloso e versatile. Ovvia la mia propensione all'utilizzo di ingredienti selezionati e all'esclusione di altri ritenuto d'obbligo. Nel tentativo di trovare la formula perfetta, mi sono imbattuta in questa pagina: Ritroviamoci in cucina. E' stato amore a prima vista. Trovo che Valentina sia molto brava e che dia ottimi spunti. Da qui è nata la mia versione: le mie farine, la mia farcitura, la mia dose minima di zuccheri integrali e la mia fantasia. Non credo che la mia amica Laura (l'archi.... colei che mi chiese ricette a base di frutta di stagione di cui vi ho parlato qui) si cimenti in preparazioni così laboriose, ma qui dentro c'è un buon assaggio di frutta di stagione, avvolta da genuina bontà. Quell'uva fragola dal profumo irresistibile... Ovviamente le mie colazioni si sono tinte di viola ^_^

Ingredienti

150 g di farina di farro bianca bio
150 g di farina integrale (io Molino Chiavazza)
185 g di latte di avena
8 g di lievito madre secco (io Antico Molino Rosso)
20 g di malto di riso
10 g di zucchero di canna grezzo (io non l'ho messo, ma ve lo consiglio per un sapore più dolce)
25 g di olio di semi di soia
1/2 stecca di vaniglia
200 g di uva fragola
10 g di zucchero integrale di canna per la marinatura
25 g di gherigli di noci
latte di avena per spennellare la superficie

Fate scaldare il latte di avena con la mezza bacca di vaniglia incisa a metà nel senso della lunghezza.
Spegnete il fuoco prima che arrivi a bollore e lasciate intiepidire.
Setacciate e mescolate le farine, insieme al lievito madre e allo zucchero. Unite, poco alla volta, il latte aromatizzato, l'olio, il malto di riso e impastate fino ad ottenere una pasta di consistenza piuttosto morbida e appiccicosa. Trasferite il composto in una terrina infarinata, coprite con un foglio di pellicola trasparente e fate riposare e lievitare, in un luogo tiepido, fino al raddoppio. A me è servita circa un'ora e mezzo.
Nel frattempo preparate l'uva: lavate gli acini, tagliateli a metà e liberateli di tutti i semini. Raccoglieteli in una ciotola e versateci sopra lo zucchero di canna. Mescolate bene e lasciate macerare per un'ora circa. Giusto il tempo che l'impasto lieviti a sufficienza. Nell'attesa tritate le noci non troppo finemente, o comunque secondo il vostro gusto: io amo che si senta la noce distintamente ad ogni morso, per cui le ho lasciate piuttosto grossolane.
Riprendete, a questo punto, la vostra pasta e stendetela su un ripiano infarinato, in una sfoglia di circa 2 cm di spessore. Piegatela in tre e stendetela nuovamente, formando un rettangolo che abbia il lato minore di lunghezza pari a quella dello stampo in cui lo cuocerete. Lo spessore non dovrà essere superiore ai 2 cm, anche questa volta.
Ricoprite la sfoglia ottenuta con le noci tritate, lasciando libera una striscia, sul lato minore, alta circa 5 cm, che vi servirà per far chiudere bene l'impasto prima della cottura. Sistemate, sopra le noci, gli acini di uva macerati, cercando di non includere il succo che avranno formato: più asciutto sarà il ripieno e più soffice rimarrà l'impasto.
Iniziate ad arrotolare la sfoglia, lasciando la striscia libera dalla farcitura in fondo. Cercate di arrotolarla piuttosto stretta, in modo che in cottura non si creino spazi. Quando sarete giunti al fondo fate aderire bene la pasta libera dalla farcia al rotolo stesso.
Ricoprite lo stampo con carta forno, oppure ungetelo e infarinatelo.
Sistemate il rotolo ottenuto, con l'apertura in appoggio sul fondo, e copritelo con pellicola trasparente. Sarà necessario che la pellicola aderisca all'impasto, in modo che non si formi la crosta durante la seconda fase di lievitazione. Fate riposare fino a quando l'impasto raggiungerà il bordo dello stampo. A me c'è voluta circa un'ora.
Accendete il forno, a 190° e quando sarà in temperatura togliete la pellicola, spennellate la superficie con latte di avena e infornate lo stampo. Cuocete per circa 40 minuti, ma regolatevi in base al vostro forno. Quando sarà ben dorato in superficie potrebbe essere cotto ^_^ Vi consiglio di non sistemarlo su un ripiano troppo alto, in modo che cuocia bene all'interno, senza che diventi troppo scuro all'esterno.
Una volta cotto sfornatelo, estraetelo dallo stampo e sistematelo, poggiato su un fianco, su una grata per il raffreddamento.
Resistete giusto il tempo che sia ben freddo e procedete al taglio.


E' davvero appagante, alla vista quanto per il palato.


Le farciture potranno essere diverse e assecondare i vostri gusti e le vostre fantasie. Questo panbrioche si conserva in frigo, morbido, per 5 giorni, avvolto in un sacchetto di plastica per alimenti.


62 commenti:

  1. deve essere buonissimo!!!già dalle foto è troppo invitante!!!
    buona giornata simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona, buona giornata anche a te!!

      Elimina
  2. Sei fantastica amica mia.. in un abbraccio panbriochoso così.. mi ci tufferei! Sei un vero tesoro! :D Chissà che delizioso profumo. TVTTTTB!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io quest'abbraccio panbriochoso te lo elargisco di cuore!!!! ^_^
      Il profumo era davvero invitantissimo. Era, sì... è finio tutto, ahahahahahah!! Sei adorabile amica bella. Un baciotto ; )

      Elimina
  3. MITICA!!!! meraviglia!!! ecco quale sarà la mia colazione della settimana prossima! per questa ho i croissant a tua ispirazione e dei nuovi biscottini che più tardi posto !:) un abbraccio cara Erica buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mitica sei tu, cara Angel!!! Grazie èper la fiducia che mi dai ^_^
      Un abbraccio, aspetto i tuoi biscottini e ti auguro una felice giornata!!

      Elimina
  4. Penso di aver detto centinaia di volte che adoro i pan brioches....li trovo superlativi per farmi iniziare bene la giornata! Questo è strepitoso e davvero bellissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona!! Pensa che per me è stato il primo tentativo ^_^
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Ericaaaaaaaaaa ma è stupenderrimo questo pane!!! Grandeeeee!!!!! sei Bravissima!! Un bacione felice settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da una regina dei lievitati.... cavolo!! ^_^ Grazie Fede, un abbraccio

      Elimina
  6. Tesoro, è una meraviglia questo panbrioche! :D Valentina è bravissima ma tu non sei da meno, complimenti!!! <3 Un abbraccio forte e.... si, solo chi osa ottiene! ;) Buon inizio settimana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il mio motto, Vale: la mia vita cerco di viverla così!!
      Grazie tesoro, grazie davvero!! Un bacione

      Elimina
  7. Golosissimo!!! Con quel ripieno poi...che bontà!

    RispondiElimina
  8. Buonissimo il pan brioche con la frutta fresca dentro! Ci hai dato un ottimo spunto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora cara Mimma..... attendo trepidante la vostra prossima meravigliosa creazione!!
      Un abbraccio, grazie infinite

      Elimina
  9. Bellisimo pane...con sorpresa :)
    brava, brava, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, grazie, grazie
      (Pst pst, Leo.... i tuoi preziosissimi consigli sono sempre ben accetti ^_*)

      Elimina
    2. Questa settimana posto delle tortine senza uova e senza burro. Secondo me le adorerai. Ciao! Leo

      Elimina
    3. Cavolo Leo, le adorerò sicuramenteeeeee!!!!! Non vedo l'ora ^_^

      Elimina
  10. Sarà un panbrioche dei "senza", ma sicuramente non manca di gusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Il gusto cerco sempre di non farlo mancare!!
      Un abbraccio Fra

      Elimina
  11. wowww! che bellissimo rotolo! amo l'uva fragola una libidine! superbrava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dolcezza!!!!! Grazie infinite ^_^
      Sai che profumo quest'uva????? O_O Ahahahahahah

      Elimina
  12. Wow fantastico!!!!! Appena trovo l'uva fragola lo rifaccio!
    Bacio e buon pomeriggio!
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dolcezza!!!!! Buon pomeriggio anche a te ^_^
      E fammi sapere quando lo proverai!

      Elimina
  13. Caspita!!! Questo è un capolavoro!!!! Mi fai venire voglia di cucinare/impastare/accendereilforno/MANGIARE! sei bravissima tesora, complimentissimimissimi! Smack!!!

    Federica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, ma mi sembra che tu sia già in perfetta attività ^_*
      Un bacione!

      Elimina
  14. Che dirti quando lo visto mi è venuta voglia di provarlo subito bella ricetta complimenti !!!!!!!
    Un caro saluto :-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La chiocciola dell'uva fragola ipnotizza, ahahahahahah!!
      Grazie Nadia, un bacione!

      Elimina
  15. Che meraviglia! Fa proprio venire voglia di mangiarlo, cara Erica:)ha un colore meraviglioso, brava!!!
    Un bacione:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Grazie.... e infatti è finito in un baleno, ahahahahahah!!

      Elimina
  16. Ciao Erica grazie della visita!!!!! Ma che delizioso Panbrioche fa venire l'acquolina in bocca!!!! Delizioso!!! Bravissima ne mangerei volentieri un pezzettino!!! posso???? buona serata ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volentieri cara Ilenia!!!! E benvenuta in questo mio piccolo mondo ^_^
      Un abbraccio, grazie infinite!!

      Elimina
  17. un pane dolce all'uva.. come fa a non essere buono :D

    RispondiElimina
  18. Erica è meraviglioso..non riesco a trovare le parole x complimentarmi con te! Bravissima, ne vorrei solo un assaggio..
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tesoro.... te lo farei trovare anche tutto per colazione!! ^_^
      Grazie zietta, ti abbraccio forte

      Elimina
  19. Bellezza!!!! Anche io ti adoro!!!! Qui ti sei superata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ Bella che sei... Tu sei maestra per me e guarda qui cosa mi scrivi!! Grazie davvero : *

      Elimina
  20. buona l'uva fragola :D e buonissimo questo panbrioche :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il profumo dell'uva fragola... delizioso Debora! Grazie ; )

      Elimina
  21. Ullallà!! Questo è decisamente troppo avanti per me.. ma me lo mangio con gli occhi! :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa sarebbe, scusa???? Troppo avanti per te?? Nel senso che vedi già troppe fette mancanti? Ahahahahah... No, perché tu puoi veramente arrivare a tutto, tesoro mio!!!! Non dubitarlo mai, neanche per scherzo!

      Elimina
  22. Morbidissimo e golosissimo, favoloso!

    RispondiElimina
  23. Me l'ero persa questa!!
    Mitica!! Adoro i pan brioche!!

    RispondiElimina
  24. Bellissimo rischioooooo!!!!
    Grande Erica

    RispondiElimina
  25. brava brava brava.. SOLO CHI OSA OTTIENE...
    ti adoro per avermi suggerito la risposta perfetta da dare a mio marito quando mi metto a sperimentare dolci "senza" (questo nè quello ;-)!).. questo panbrioche lo adoro e me lo segno subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahah, ecco, mi sono appena fatto un nemico!!!! ^_^ Scherzi a parte, io sono sempre alla continua ricerca di soluzioni salutari, ma che soddisfino sempre il palato!!!! Mi fa piacere che ti piaccia. Se lo provassi dimmi cosa ne pensi!!
      Un abbraccio

      Elimina
  26. Mi sono messa a curiosare seriamente... accidenti all'uva fragola.... ottima anche questa idea!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho cercato di proporla un po' in tutte le versioni ^_^
      Grazie Fra!!

      Elimina